Cerco di essere una brava persona. Cerca di sorridere agli estranei, dai i miei soldi alle persone bisognose, sii aperto e accetta le prospettive che non sono le mie. Provo a girare la guancia, a tenere la lingua invece di sferzarmi, a vivere con un cuore gentile piuttosto che dispettoso. Cerco di rimanere positivo, di pregare, di pensare agli altri prima di me stesso.

Ma non sono sempre bravo a essere bravo.

A volte mento. A volte dico alla gente cose che so che vogliono sentire, piuttosto che la verità. A volte ignoro una situazione in cui so dovrei essere coinvolto, anche quando fa male. A volte sono egoista, o oltrepasso il senzatetto all'angolo della strada, chiedendo qualsiasi cambiamento.



la mia ragazza è triste

A volte mi metto in testa come se fossi un grande cristiano, come se fossi fantastico nel fare ciò che Dio vuole che io faccia, che ho pienamente riposto la mia fiducia in Lui e non ho mai fatto domande o dubbi.

Ma la verità è che sono tutt'altro che perfetto.

La verità è che lo giuro. I pettegolezzi. Metto in dubbio il suo scopo e il piano per la mia vita. A volte bevo troppo, o prego e mi chiedo se stia persino ascoltando. A volte vado settimane senza aprire la mia Bibbia, o divento pigro e dormo la domenica invece di andare in chiesa. A volte parlo, piuttosto che vivere davvero alla sua luce. A volte metto i miei bisogni al centro di tutto e dimentico di venire da Lui fino a quando c'è qualcosa che voglio.



A volte mi fa davvero schifo essere cristiano.

Ma la cosa bella di te, mio ​​Dio, mio ​​Padre, mio ​​Salvatore, è che anche in ogni angolo di oscurità - persino l'oscurità nel mio cuore - porti luce.

sito di incontri comunisti

E anche quando sono così lontano dall'essere perfetto, mi ami comunque. Mi dai guarigione. Mi porti nuovi inizi. Mi fai vedere che non sono mai lontano dalla tua portata. E mi riconduci a te.



Dio, so di poter essere terribile. So di aver deluso la gente. So di sbagliare. So che a volte ti spezzo il cuore con le mie abitudini peccaminose e le mie vie egoistiche. Ma comunque mi perdoni. Eppure mi ami. Tuttavia, mi ricordi chi sei e chi sono in te. Grazie.

Grazie per avermi tirato in piedi quando sono giù. Grazie per aver mandato tuo Figlio a morire per me. Grazie per le tue parole incoraggianti e le tue braccia forti, che mi raggiungono, sollevandomi dalla rottura. Grazie per la tua guida Per il tuo orecchio d'ascolto.

Grazie per essere qui per me nei giorni in cui sono così lontano dalla tua presenza, e per avermi mostrato che posso essere perdonato e ricominciare.

Sono così lontano dall'essere perfetto. Faccio ripetutamente errori, anche quando conosco meglio. Ascolto, studio e mi concentro sul vivere come te, eppure scelgo la strada sbagliata. Ma mi ami comunque.

Mi accetti come tua figlia, come tuo figlio, come tua creazione peccaminosa e bella e mi fai brillare anche quando sento di essere bloccato nell'ombra. Mi aiuti a sorridere, anche quando tutto ciò che voglio fare è compatirmi e seppellire la testa nella sabbia.

Grazie per amarmi. Grazie per amarmi nonostante i miei difetti, nonostante i miei peccati, nonostante tutti i modi in cui non lo farò e non sarò mai all'altezza della tua perfezione. Grazie per avermi dato una seconda possibilità, una terza possibilità, una tre milionesima possibilità di ricominciare e per amarmi incondizionatamente.

So che faccio schifo, Dio. So che continuo a fallire. So che non sarò mai la figlia perfetta che vorresti che io fossi, ma ci sto provando. E so che lo vedi. Grazie. Grazie per amarmi. E per favore, incoraggiami quando sono giù. Dammi speranza quando mi sento debole. Giusto il mio percorso quando inizio a vagare di nuovo

piccoli cazzi

Riportami da te.